Abbiamo bisogno di incontrarci, per ora lo facciamo così

Covid 19: da molti, troppo mesi ormai accompagna le nostre giornate. E’ una triste esperienza e ancora cerchiamo di capire come contenerla senza perdere la parte migliore della vita; la stessa idea di comunità nelle sue infinite declinazioni in cui la cultura occupa un posto importante, perché fa vivere la nostra mente e la nostra anima.
E Università Aperta che ruolo gioca in questo contesto?
Detto in altre parole: “C’è ancora bisogno di noi? Dei nostri docenti? Dei nostri incontri? Delle riflessioni, della conoscenza approfondita di noi stessi, della storia e del mondo?”
Noi sentiamo che questi bisogni ci sono e sono ancora più forti perché ci aiutano a non inaridire oppressi dalla fastidiosa mascherina, in balia di vocaboli inconsueti (distanziamento/tamponi/virus/contagi…) con l’incubo sempre incombente di un nuovo lockdown.
I nostri docenti sono ancora con noi, tanti altri si sono affacciati sullo schermo del nostro computer con le loro proposte, ma ancora tanti problemi pratici aspettano risposte per renderle operative. Ma noi non ci arrendiamo, non vogliamo arrenderci e continueremo questo colloquio con voi per costruire assieme nuovi percorsi, ipotizzare nuove modalità, per non perdere il piacere di sentirci vivi e attivi, per costruire insieme il nuovo volto della nostra città.

Per questo ci ripromettiamo di continuare il nostro colloquio anche se a distanza e vi aspettiamo  alla prossima puntata

Gabriella Barbieri
Presidente Onorario Università Aperta

Approfondimenti e opportunità

Unisciti ai 1.400 Soci e frequenta la cultura nella tua città!

Chiedi informazioni per i corsi e per diventare soci e utilizzare le convenzioni e la possibilità di viaggiare nella cultura.