Caricamento Eventi

Più che un corso, un percorso nel tempo e nello spazio attraverso l’Europa medievale, dalla nascita del Gotico nella Francia del XII secolo alla sua evoluzione e diffusione attraverso l’architettura, la scultura e la pittura.

È soprattutto in Italia che nel corso del Duecento le novità europee si intrecciano con il recupero dell’antico: la stagione di Federico II influenza il nuovo corso della scultura, che a sua volta si riflette in un naturalismo pittorico inedito. Nell’età di Giotto la pittura muta il suo parlare e da “greca” si fa “latina”: è una novità che ha la forza di una deflagrazione. In parallelo alla ricerca di uno spazio percorribile, nel Trecento si fanno strada anche altre esigenze: nella corte papale di Avignone matura una lingua preziosa che avrà diffusione internazionale.

             Argomenti delle lezioni

  1. Saint-Denis 1140: la nascita del Gotico / la prima diffusione del Gotico in Europa e in Italia: i Cistercensi, gli ordini mendicanti / Benedetto Antelami
  2. La scultura gotica in Europa: Reims, Bamberga / Federico II / Nicola Pisano e Arnolfo di Cambio
  3. La pittura del Duecento: Giunta Pisano / Cimabue / Roma e Pietro Cavallini
  4. Le storie di Francesco ad Assisi / Giotto / Giovanni Pisano
  5. I pittori senesi: Duccio da Buoninsegna / Simone Martini / Pietro e Ambrogio Lorenzetti
  6. L’eredità di Giotto nel Trecento / Avignone e la diffusione del Gotico internazionale

Docenza: Stefania Biancani
Lezioni: 6
Giorno e orario: Lunedì ore 16:00-17:30; inizio 7 novembre 2022
Modalità mista: in presenza e Video-conferenza (Meet)
Costo IVA compresa on-line: Soci di U.A …. Euro, Non soci …. Euro
Costo IVA compresa presenza: Soci di U.A ….. Euro, Non soci ….. Euro
Sede del corso: Aula UA, Piazza Gramsci 21 – Imola

 

Stefania Biancani

Dottore di Ricerca in Storia dell’Arte, dal 1994 al 2011 ha rapporti continuativi di collaborazione didattica con l’Università di Bologna (insegnamento di Storia dell’Arte Moderna) ed è stata docente presso la Scuola di Specializzazione in Beni Storici e Artistici, titolare dell’insegnamento di Storia dell’Arte comparata dei Paesi europei. Ha collaborato anche con università statunitensi e canadesi.

Ha all’attivo numerose pubblicazioni e partecipazioni a mostre e a convegni internazionali: i suoi studi si focalizzano sull’arte tra il XV e il XIX secolo, con particolare attenzione alla produzione delle artiste. Nell’ambito di queste ricerche dal 1996 collabora con il “Centro di documentazione sulla storia delle donne artiste attive in Europa dal Medioevo al Novecento” della Città Metropolitana di Bologna.

A questa attività affianca attraverso corsi, conferenze e organizzazione di viaggi culturali un impegno continuo per una divulgazione storico-artistica che possa portare alla consapevolezza, alla valorizzazione e alla tutela del nostro patrimonio.