DeNittisViaggiando si impara 20130202 Bembo

Sabato 2 Febbraio 2013, a Padova

Visita a 2 mostre:

Le opere di Giuseppe De Nittis

Pietro Bembo e l'invenzione del Rinascimento

Accompagnati dalle docenti dell'Università prof. Giovanna Degli Esposti e prof. Emanuela Fiori

Le mostre

“DE NITTIS” a Palazzo Zabarella

La mostra più importante che mai sia stata dedicata al De Nittis, approfondirà in modo esaustivo la figura di quello che a pieno titolo si annovera tra gli artisti europei di maggior rilievo di tutto l’Ottocento. Per la mostra sono state recuperate anche opere ignote alla critica. Con la sua arte e il suo fascino tutto italiano Giuseppe De Nittis affascinò la Parigi delle Esposizioni Universali. Si confrontava, alla pari, con Degas e Monet e gli Impressionisti sapendo cogliere il meglio delle loro novità ma interpretandole con gusto e sensibilità del tutto originali.

“PIETRO BEMBO Capolavori da BELLINI a TIZIANO, da MANTEGNA a RAFFAELLO”.

Dopo 500 anni tornano a Padova, a Palazzo del Monte di Pietà, i capolavori della collezione di Pietro Bembo, letterato e mecenate, inventore del Rinascimento, nonché della lingua volgare: dipinti di Mantegna e Raffaello, sculture antiche, gemme, bronzetti, manoscritti miniati, monete rare e medaglie conservati originariamente nella dimora del Bembo che, all’epoca, fu denominata “la casa delle Muse” o “Musaeum”, precursore del moderno museo.

 

Go to top