Maggio 2017: Vigevano - Foto di Manuela Bianconi ----------------- Doppio click per tutte le foto
ozio_gallery_jgallery



2017 10 12Fondazione.Giberti

 

2017 10 13Fondazione.Zamagni

 

 



image001

Sabato 7 ottobre tutte le persone interessate potranno accedere agli straordinari patrimoni artistici e architettonici, agli arredi e alle opere d’arte di ogni epoca, custoditi e tutelati dalle Banche e dalle Fondazioni nelle proprie sedi, normalmente chiuse al pubblico perché luoghi di lavoro.
Anche la Fondazione di Imola partecipa a questa giornata e accompagnati da guide specializzate, si potrà visitare Palazzo Sersanti e parte della collezione d
arte che si trova allinterno.
La visita è gratuita previa prenotazione telefonando al 0542/26606.
Gli orari sono i seguenti: Alla mattina alle ore 10.00 e alle11.00. Nel pomeriggio alle 15.00, alle 16.00 e alle 17.00.



AVVISO DI CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

È convocata l’Assemblea dei Soci di UNIVERSITA’ APERTA Soc. Coop. a r.l., che si terrà in prima convocazione  
lunedì 12 dicembre 2016 alle ore12:00 nell’aula U.A. 5° Piano - Piazza Gramsci n. 21 – Imola (BO) e, occorrendo, in seconda convocazione

MARTEDI’ 13 DICEMBRE 2016 alle ore 16

nella Sala delle Stagioni, via Emilia, 25 Imola

Ordine del giorno:

  1. Lettura e approvazione del Bilancio d’esercizio al 31 Agosto 2016 e delibere conseguenti;
  2. Relazione del revisore contabile;
  3. Nomina del Consiglio di Amministrazione;
  4. Nomina del revisore contabile;
  5. Varie ed eventuali.

Data la grande importanza dell’assemblea, confidiamo in una Vs. puntuale partecipazione.

                                      La presidente del Consiglio di Amministrazione

                                                    Prof.ssa Gabriella Barbieri

Scarica invito e delega




Click qui per vedere le foto in una finestra a parte



Un'iniziativa di una nostra docente.

20162806Sintoni

 



Premio "La Lucerna d'oro"
per arte cultura e spettacolo

conferito a Università Aperta
nella persona della sua Presidente Gabriella Barbieri
a cura dell'Associazione Culturale "G. Scarabelli"
Sala Mariele, Palazzo Monsignani - Via Emilia 69 - Imola
Venerdì 6 maggio 2016 ore 21,00
La cittadinanza è invitata



cassero   Si comunica che, in occasione della nuova stagione di prosa e di comicità a

   Il Cassero Teatro Comunale di Castel San Pietro,

  agli iscritti a tutti i corsi di Università Aperta sarà praticato un prezzo ridotto.



logo ua

SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE
IMOLA - PIAZZA GRAMSCI, 21

TELEFONO 0542 27373
FAX             0542 31448
E-MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 REGISTRO IMPRESE DI BOLOGNA

C.F. O37O859O371
P.IVA OO6529212O6
ALBO COOP N. A129499


 



20150523Casadio



Valdre    Università Aperta ricorda con affetto, stima e rimpianto il

Prof. Lido Valdrè

appassionato uomo di scuola, docente  di filosofia contemporanea  all’Università di Urbino e autore di testi di successo anche al di fuori del mondo accademico.
Di Università Aperta è stato uno dei  fondatori e per molti anni Presidente interpretandone con originalità e dinamismo la missione di promozione culturale della comunità.
Il Consiglio di Amministrazione, a nome dei collaboratori, soci, docenti e corsisti, esprime la propria commossa partecipazione al dolore della famiglia.

Imola 13 febbraio 2015



ScuolaBusAccanto ai Corsi Ufficiali, a supporto e completamento dell'attività didattica, Università Aperta pianifica e realizza altre iniziative culturali: visite a siti di particolare interesse, musei, esposizioni, scavi archeologici o anche conferenze, lezioni aperte, rappresentazioni, spettacoli, sempre in relazione ed a completamento della didattica pianificata. Sono previste anche visite a luoghi di lavoro o attività produttive, per es. nei corsi sulla "Civiltà del bere" alcune lezioni si sono tenute nella sede di aziende viti-vinicole.

Le visite a musei o siti d'arte, di valore storico o archeologico sono progettate e concordate con i Docenti dei Corsi, in relazione ai temi sviluppati e in genere realizzate con la presenza attiva degli stessi Docenti. Le iniziative raggruppate in "Viaggiando si impara" si avvalgono di agenzie turistiche professionali per il supporto organizzativo ma forniscono contenuti culturali e di conoscenze che trasformano le visite in attività didattiche coinvolgenti e motivanti.

Viaggi, lezioni, presentazioni o conferenze, sono aperte alla partecipazione anche di persone non iscritte ai Corsi, anche se coloro che frequentano le Lezioni dei Corsi Ufficiali potranno apprezzare meglio ed appieno i contenuti culturali delle iniziative. Quando è possibile la partecipazione è gratuita, in altri casi è prevista una quota a copertura delle spese.

 Le attività che saranno realizzate a breve sono presentate nella pagina principale di questo sito; il catalogo parziale di quelle organizzate nel passato è visibile nel menù "gruppi di attività". Alcune iniziative sono documentate con delle fotografie realizzate dai partecipanti.



Il CISE, costituito nell’ambito delle attività promosse dall’Università Aperta di Imola, associa cultori di egittologia, studiosi e egittologi di fama internazionale con lo scopo di promuovere la conoscenza e la diffusione della cultura dell’Antico Egitto. Esso ha organizzato e organizza, fra l’altro, incontri di studio e cicli annuali di conferenze a Imola con la partecipazione di eminenti egittologi, che hanno illustrato e illustreranno il frutto delle loro ricerche più recenti ad un pubblico numeroso ed attento, proveniente da ogni parte d’Italia. Ecco in sintesi gli interventi più significativi che si sono susseguiti negli anni:

  • Zahi Hawass, archeologo di fama mondiale, già dirigente del Consiglio Supremo delle Antichità Egizie del Cairo, sul tema “Il Segreto delle piramidi e la scoperta delle Mummie d’oro”.
  • Mohamed El Bialy, Sovrintendente delle antichità dell’Egitto per l’area di Luxor, sul tema “Il fascino dell’Egitto e le ultime scoperte nella Valle dei Re”;
  • Riccardo Manzini, collaboratore della Soprintendenza alle Antichità di Torino, che ha presentato una nuova ipotesi sulla costruzione delle Piramidi maggiori d’Egitto, ipotesi discussa e approvata dall’Accademia delle Scienze di Torino.
  • Renato Grilletto, antropologo, specialista dell’antico Egitto, ricercatore presso il dipartimento di Scienze Antropologiche e Archeologiche dell’Università di Torino, sul tema “Le Mummie tra ieri e oggi”.
  • Sergio Pernigotti, ordinario di Egittologia dell’Università di Bologna e direttore della collana egittologica edita dalla casa editrice la Mandragora,  per l’affascinante presentazione del volume “Leggere i geroglifici”.
  • Nicholas Reeves, uno dei curatori del Dipartimento delle Antichità Egiziane del British Museum, esperto nel campo della storia della violazione delle tombe e dell’esplorazione della Valle dei Re, con la conferenza “Scavando nella Valle dei Re”.
  • Michel Baud, dottore in Egittologia, “anziano” membro dell’Istituto Francese d’Archeologia Orientale (IFAO) del Cairo, ricercatore al Collegio di Francia e specialista dell’Egitto del Terzo Millennio con la conferenza “Djoser, Imohtep e l’invenzione della pietra muraria”.
  • Christian Leblanc, che lavora al Centre d’Étude de Documentation sur l’Ancienne Egypte (CEDAE), ed è direttore di una delle unità di Ricerca del CNRS di Parigi, sta scavando da più di un decennio al Ramesseum, con la conferenza “Il Ramesseum: ultime scoperte”.
  • Mark Lehner, egittologo americano, lavora attualmente a Giza, dove opera a stretto contatto con Zahi Hawass. Ha diretto il “Progetto Sfinge e Tempio di Isis” dal 1979 al 1983 e dal 1984 ha diretto il “Giza Plateau Mapping Project”, con la conferenza “La scoperta della città perduta delle Piramidi di Giza”.
  • Una conferenza dal titolo “La ricerca di Ra” è stata tenuta dall’egittologo Jochem Kahl, docente presso l’Istituto di Egittologia e Coptologia dell’Università di Münster. Kahl rappresenta  una delle pietre miliari dello studio della lingua durante le prime dinastie dell’antico Egitto.
  • Un’altra conferenza, tenuta dall’egittologo egiziano Fekri Hassan, Professore in Archeologia all’Istituto di Archeologia e al Dipartimento di Egittologia dell’UCL (University College of London), su “Il collasso dell’Antico Regno”.
  • La conferenza dal titolo “Simbolismo e sviluppo delle Strutture di potere nel Predinastico” è stata quella dell’egittologo belga Stan Hendrickx che lavora con l’Università Cattolica di Lovanio all’“Eastern Mediterranean Archeology Programm”.
  • Una conferenza dal titolo “La salvaguardia dell’antica Tebe e il lavoro nella Valle dei Re” tenuta dall’egittologo Americano Kent R. Weecks, professore all’Università Americana del Cairo II.
  • Nuovamente ad Imola l’egittologo Zahi Hawass che, divenuto nel frattempo Direttore generale del Consiglio Supremo delle Antichità dell’Egitto, ha svolto una conferenza al Teatro Comunale dell’Osservanza su “I segreti delle Piramidi e l’enigma del Re Tutankhamon”.
  • Un’altra conferenza: quella di un ospite olandese, l’archeologo Jacobus Van Dijk, professore di egittologia dell’Università di Groningen su “Chi governava l’Egitto per Tutankhamon: Horemheb e Maya e le loro tombe nella necropoli di Menfi”.
  • Un’altra conferenza dell’archeologo francese Alain Zivie, direttore di ricerca al CNRS e direttore della missione archeologica francese del Bubasteion su “Akhenaton, Tutankhamon e Ramesse II”.
  • Quella dell’egittologo italiano Alessandro Bongioanni, molto noto per i suoi studi sulla religione dell’Antico Egitto, che ha tenuto una conferenza il 18 marzo dal titolo: “Tebe tra Amon e Ra”.
  • La conferenza della connazionale Rita Lucarelli, che ha conseguito il dottorato in Egittologia presso l’Università di Leida, su “Antiche formule per il viaggio nell’Aldilà”.

RICCO IL PROGRAMMA  SVOLTO NEL 2006:

  • Il primo ospite del CISE n è stato l’egittologo francese Guillame Bouvier, Dottore in egittologia all’Università di Strasburgo con la conferenza su “La fine della Valle dei Re”.
  • La seconda conferenza è stata quella dell’egittologa Dr Renee Friedman esperta del Predinastico che ha lavorato dal 1983 a Hierakompolis, sito archeologico dell’alto Egitto, su “ La città del Falco, nuove scoperte a Hierakompolis”.
  • Un terzo Contributo è stato dato dal Professor Pernigotti, egittologo dell’Università di Bologna . Il professor Pernigotti, oltre ad essere Direttore del Dipartimento di Archeologia, dirige la Missione Archeologica dell’Università di Bologna nel Fayyum  ed ha parlato sulle ultime scoperte della Missione.
  • Il 15 settembre ha tenuto una conferenza ad Imola su “La Famiglia Reale nell’Antico Egitto” l’egittologo Dr. Aidan Dodson, docente presso il dipartimento di Archeologia e Antropologia dell’Università di Bristol. Grande conoscitore dell’archeologia funeraria dell’antico Egitto, è anche Presidente della Egypt Society di Bristol.
  • Il Professor Dr. Miroslav Verner, della Charles University di Praga, il 28  e il 30 settembre ha concluso il programma con due conferenze  su Abusir e sul deserto occidentale. Verner dal 1964 lavora in Egitto e dal 1976 scava ad Abusir dove dirige la missione archeologica Ceca.

Sottocategorie

logo bianco

Il Consiglio di Amministrazione

Patrocini Istituzionali e Sponsor di Università Aperta

Segui UA su FaceBook

Pagine riservate

Chi è collegato

Abbiamo 69 visitatori e nessun utente online

Go to top